Anche quest’anno, nell’afoso giugno berlinese, si è svolta dotfmp (o “.fmp[x]Berlin” che dir si voglia), la conferenza sviluppatori FileMaker più cool e “unofficial” d’Europa.
E non ha tradito le aspettative, anzi, è stata la migliore edizione a cui io abbia mai partecipato.
Il livello eccellente di partecipanti e di sessioni è stato ben supportato da una logistica - tallone di achille delle precedenti versioni - in deciso miglioramento.
Gli organizzatori infatti hanno garantito non solo la sopravvivenza, ma anche il  comfort dei partecipanti.
E chiunque non abbia mai partecipato ad una sessione di due ore su un argomento inforrmatico complesso, a giugno, in una stanza rivolta a sud con altre 50 persone, senza aria condizionata e con una rete wireless instabile, non può capire come questo faccia la differenza!
dotfmp è nota per essere una conferenza molto poco formale e molto orientata alla sostanza: le sessioni non sono delle noiose conferenze ma spunti di discussione per le tecniche illustrate e il livello è davvero molto alto.

I contenuti

La parte del leone è stata fatta dalle nuove caratteristiche di FileMaker 17 (Data Migration Tool su tutti), ma ci sono state anche numerose sessioni sull’implementazione di procedure mediante tecnologie “classiche”. JSON e XML su tutti, con una “strisciatina" su python e un giretto sui database a grafico.
Ovviamente non è mancata l’applicazione pratica del GDPR, di cui parleremo a breve in un articolo dedicato.
Vincenzo Menanno (https://beezwax.net/beez/81-vincenzo-menanno) ha illustrato le varie possibilità di inserimento e modifica record per rendere ottimistico un record locking pessimista di natura (no, l’istruzione salva record c’entra ben poco nel caso specifico).
Il californiano Kevin Frank (https://filemakerhacks.com) e Caleb Ruth si sono fatti portavoce delle ultime tecniche di utilizzo delle liste valori virtuali.
Tante applicazioni e altrettanta astrazione. 🙂
Fabrice Normand (https://www.1-more-thing.com/author/fabrice/) ha come sempre dato sfoggio alla sua classe superiore nell'utilizzo del motore di calcolo.
I ragazzi di Clickworks (https://www.clickworks.eu) Jan e Joris hanno innescato una bella discussione sulla localizzazione delle soluzioni nelle varie lingue.
Johann Hedman (http://atatiki.com/sv/) ha fatto il punto su FileMaker Server 17, nel bene e nel male, sollevando alcuni punti molto interessanti.
Mr Watson (http://www.mrwatson.de) as usual ha mostrato alcuni dei sui colpi di genio. Davvero notevole la funzione personalizzata che cambia colore di un campo mediante calcolo!
Largo spazio a barbecue e birra - rigorosamente locale. Il contorno ideale di un evento unico nel suo genere, in cui c'è dialogo fra pari e in cui anche i migliori riescono a trovare nuovi spunti e punti di vista per imparare.
Dovendo scegliere: la mia preferita in assoluto!
Una nota piacevole la presenza di nuovi volti "italiani".
Anche se è una conferenza in lingua inglese - peraltro facilmente comprensibile - dotfmp a Berlino è un passaggio fondamentale per la propria crescita professionale nello sviluppo FileMaker, forse anche più della FileMaker Devcon che si tiene ogni estate negli Stati Uniti.
Grazie Egbert! See you next year!
Articolo precedenteÈ arrivato FileMaker 17
Utilizza FileMaker dalla versione 2 (A.D. 1993), per sviluppare idee e soluzioni, e risolvere problemi. Membro della Filemaker Business Alliance, sviluppatore Certificato FileMaker 15, 14, 13, 12, 11, FileMaker Certified Trainer, si occupa di formazione, consulenza, sviluppo di soluzioni, con qualche incursione nell’editoria. È autore di “FileMaker Pro 9 La Grande Guida” e di “FileMaker Pro 10 La Grande Guida”, entrambi editi da Mondadori Informatica, di articoli e di recensioni sulle principali riviste italiane del settore. Utilizza – con sentimenti ambivalenti – anche PHP, JavaScript, CSS/HTML, MySQL. Feroce capacità di analisi e problem solving.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here