FileMaker 14 è stato ufficialmente annunciato da pochi minuti e le novità, che interessano l’intera piattaforma di FileMaker, si preannunciano davvero notevoli.

FileMaker 14: cosa cambia

La nuova versione infatti si presenta con l’intento dichiarato di migliorare la vita agli sviluppatori, partendo dal più importante restyling dell’interfaccia utente dai tempi di FileMaker 7.

Se la versione 13 mi aveva parzialmente riconciliato con l’utilizzo di FileMaker grazie alla maggiore versatilità delle interfacce e i forti miglioramenti sul fronte web, con la nuova release raggiungiamo finalmente un equilibrio ideale tra versatilità e semplicità.

Le modifiche più corpose, e che attrarranno maggiormente l’attenzione degli sviluppatori, riguardano l’ambiente di scripting, il motore di calcolo (che Giulio Villani ci illustra nel dettaglio qui) e gli strumenti grafici relativi ai formati.

Anche l'occhio vuole la sua parte

Chi collabora con me sa bene che uno degli aspetti su cui insisto maggiormente è che l’interfaccia mostrata agli utenti è importante tanto quanto la modellazione dei dati che c’è alle spalle. Una progettazione pessima dell’interfaccia rende spesso inutile anche il più elegante degli script, senza contare che ormai gli utilizzatori di smartphone e tablet sono abituati ad interfacce ragionate e curate nei minimi dettagli, almeno nelle applicazioni di maggior utilizzo.

Raramente gli sviluppatori di FileMaker sono anche designer o grafici, quindi è frequente imbattersi in soluzioni articolate ma tutt’altro che accattivanti dal punto di vista visivo.

Negli ultimi anni la FileMaker ha alzato molto l’attenzione su questi aspetti e con FileMaker 14 vengono introdotti alcuni strumenti che rendono la vita ancora più semplice.

I nuovi strumenti per la realizzazione delle interfacce

Selettore colori FileMaker 14Grazie al nuovo selettore di colori è ora possibile vedere automaticamente le palette di colori basate sul tema prescelto, rendendo più semplice la scelta di sfumature armoniche. Sono state anche inserite 140 icone di default, oltre alla possibilità di inserire le proprie icone personalizzate.

È consuetudine ormai vedere nei vari form disponibili sul web delle etichette segnaposto all’interno dei campi che suggeriscono all’utente cosa scrivere. Ora questa funzionalità è disponibile anche in FileMaker senza che sia necessario inventare qualche trucco.

È stata anche introdotta la tanto desiderata possibilità di intervenire sugli stili di alcune parti degli oggetti di formato: chi non ha mai sognato di poter cambiare il colore del simpatico calendario a discesa?

impostazioni-menu-navigazioneE poi finalmente i menu di navigazione e una barra di pulsanti, ridimensionabile automaticamente, con cui costruire delle porte di accesso ai nostri formati. Un sogno che diventa realtà? Nelle soluzioni che sviluppiamo quotidianamente abbiamo già risolto il problema dei menu grazie ad un mix che sfrutta popover e portali. Tuttavia la possibilità di inserire all’interno dei formati delle barre di pulsanti, orizzontali o verticali, a cui fornire una formattazione omogenea e automaticamente ridimensionabile, rappresenta una comodità non indifferente, non solo per gestire eventuali menu di navigazione, ma anche per organizzare i pulsanti di specifiche funzionalità.

esempio-menu-navigazione

Il nuovo motore di calcolo

Una delle critiche maggiori mosse dai detrattori di FileMaker ha sempre riguardato il sistema punta e clicca,  tipico di alcuni dei programmi più cari ai “non sviluppatori”.

La novità parte già dalla gestione script, che lascia il posto all’Area di lavoro script.

area-lavoro-script-filemaker-14

Sulla sinistra trovano posto tutti gli script disponibili. Con un solo click lo script viene visualizzato nello spazio centrale. Da qui lo script è direttamente modificabile come in un normale editor di testo, oppure tramite il solito sistema “punta e clicca” grazie alle istruzioni raccolte sulla parte destra della schermata.

Anche chi non è abituato a sviluppare utilizzando linguaggi di programmazione riconoscerà subito i vantaggi di un editor che sfrutta colori, suggerimenti in linea, completamento automatico dei comandi, scorciatoie di tastiera e possibilità di ricercare o ordinare le funzioni per comporre i propri script.

Il motore di calcolo facilita l’accesso alle informazioni, mostrando a sinistra i campi dell'occorrenza di tabella selezionata, e a destra le funzioni e gli operatori utilizzabili, lasciando sempre aperta la possibilità di sfruttare la parte centrale come un normale editor di testo.

Una bella comodità!

motore-calcolo-filemaker-14

Nuovo centro di comando per l’avvio rapido delle soluzioni

FileMaker 14 strizza l’occhio alle interfacce di tablet e smartphone e rivisita l’intero centro di comando solitamente aperto all’avvio dell’applicativo, rendendo più semplice gestire le proprie soluzioni. Oltre ad essere touch-friendly, il nuovo centro di comando funziona perfettamente su tutte le piattaforme, permettendo di aggiungere un tocco personale grazie alla possibilità di inserire icone personalizzate fin dall’avvio di FileMaker.

graphic_launch_center_2x

Novità anche per FileMaker Go

Il team di sviluppo della FileMaker ha operato un importante restyling anche sul fronte interfaccia utente di FileMaker Go 14. Lo scopo dichiarato è garantire agli sviluppatori un controllo sempre maggiore della propria soluzione su iPhone e iPad. Dalla possibilità di bloccare l’orientamento dello schermo in specifici formati attraverso un semplice script, al miglioramento della funzionalità che permette di raccogliere le firme direttamente dal proprio device mobile.

Tuttavia, le modifiche più interessanti riguardano la gestione dei file audio e video, come l'opzione di riproduzione video in modalità full screen o la semplice riproduzione senza l'interruzione dell’attività del database, oltre alla possibilità di interagire con il file multimediale tramite script.

graphic_ipad_iphone_2x

FileMaker Server e WebDirect

In una release così accurata non potevamo che aspettarci delle interessanti novità anche da FileMaker Server: la versione precedente aveva portato un totale restyling della consolle, quindi le novità erano attese under the hood.

In effetti siamo stati accontentati: WebDirect è stato potenziato sia a livello di prestazioni (fino al 25% in più), sia a livello di connessioni contemporanee (da 50 a 100). Soprattutto, sono stati “sdoganati” i browser dei dispositivi mobili nella loro ultime versioni. Come alcuni sviluppatori [link a pietro] hanno testato sulla loro pelle, in alcuni casi conveniva utilizzare la vecchia IWP per utilizzare FileMaker su dispositivi non iOS. Una soluzione che nel migliore dei casi ricorda il classico dito nella diga.

Ma non è certo l’unico miglioramento. Se aveste la fortuna di lavorare quotidianamente con Giulio Villani sapreste che solo un evento può minare la sua calma leggendaria: la disconnessione dal database remoto con conseguente perdita di complessi calcoli non salvati. FileMaker Server 14 tira fuori l’asso dalla manica e risolve finalmente l’annoso problema dei cali di connessione dati, grazie alla riconnessione automatica al server.

Un’altra caratteristica che farà piacere a molti amministratori di rete è la possibilità di gestire un secondo server in stand-by in grado di prendere il posto del principale con un semplice comando (disponibile solo da riga di comando, nella migliore tradizione degli amministratori di sistema).

In conclusione

La versione 13 rimarrà per sempre nel nostro cuore, non tanto per le sue funzionalità, quanto per il fatto che il giorno in cui è stata annunciata veniva alla luce anche FileMaker Guru. Dal primo avvio di FileMaker 14, tuttavia, ho avuto la sensazione di utilizzare un programma differente, moderno, accattivante, comodo, innovativo.

E voi, cosa ne pensate di FileMaker 14? Raccontaci le tue impressioni e condividi le tue idee con gli altri Guru: scopri la comunità FileMaker su Guru Corner!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here